La FSF pubblica una nuova licenza per le applicazioni web

Gnu LogoLa Free Software Foundation (FSF), principale promotore del software libero, ha rilasciato una nuova licenza che estende la popolare GNU GPLv3 (General Public License 3) per adattarla alle necessità introdotte dai Web Services ed altro software di rete. La GNU Affero General Public License (AGPLv3), questo il nome della licenza, si distingue dalla GPLv3 perché include delle clausole che affrontano esplicitamente la problematica della condivisione del codice sorgente, per applicazioni web e SaaS (Software as a Service, ovvero software come servizio).

La crescente adozione di questa tipologia di applicazioni nella quale l’utente usufruisce del software come servizio disponibile in rete (piuttosto che un programma che giri interamente sul proprio computer), rende la GPLv3 – rilasciata lo scorso Giugno – inadeguata. Quest’ultima infatti permette la copia, modifica e distribuzione di software, gratuito o a pagamento, a patto di rendere il codice disponibile ai propri utenti. La licenza non impone però la distribuzione delle modifiche nel caso in cui il software non venga distribuito, come accade per le applicazioni di tipo SaaS.

La GPL è nata dalla visione di Richard Stallman, di fornire una licenza utilizzabile dagli sviluppatori Open Source, per rimuovere quante più restrizioni possibili nella creazione e condivisione dei programmi per computer, senza per questo permettere a chiunque di usufruirne senza condividere con la comunità di sviluppatori le proprie modifiche. La AGPLv3 incarna proprio questo spirito, ponendo le stesse condizioni anche per i Web Services e le applicazioni SaaS, e lo fa nel momento cruciale del passaggio di paradigma dal desktop al web.

About Antonio Cangiano

Antonio lavora come Software Engineer & Technical Evangelist presso la IBM in Canada. È inoltre il direttore di Stacktrace.it, un internet marketing strategist, imprenditore del web, serial blogger, e autore di un paio di libri in inglese (recentemente Technical Blogging.) Puoi dare un'occhiata ai suoi progetti sulla sua homepage e seguendolo su Twitter.

Policy per i commenti: Apprezzo moltissimo i vostri commenti, critiche incluse. Per evitare spam e troll, e far rimanere il discorso civile, i commenti sono moderati e prontamente approvati poco dopo il loro invio.