Comprate un iPhone, saltate le code

Apple sta preparando il terreno per le innovazioni dell’anno nuovo, ed un articolo su Forbes ci fa sapere che tra le richieste di brevetto depositate lo scorso 20 Dicembre ce n’è una molto interessante: il “salta code”.

Tramite il vostro gadget wi-fi preferito della casa di Cupertino, iPhone ad esempio, potrete avvicinarvi ad uno Starbucks, ed ordinare una bevanda tramite la connessione senza fili.

Gli addetti di Starbucks riceveranno il vostro ordine, e, ora viene il bello, vi daranno priorità rispetto agli altri clienti. Non appena il vostro ordine è pronto il vostro telefono vi avvertirà di recarvi a ritirarlo alla cassa.

Devo dire che la cosa è stuzzicante, perché in un certo senso aggirare le code aumenta quella sensazione di esclusività che deriva dall’avere gli ultimi gadget di casa Apple.

Nonostante ciò ritengo che i risvolti di questo tipo di tecnologia siano molto interessanti, soprattutto se estesi ad altri tipi di attività e non solo a Starbucks.

Lavorando un pò di fantasia si possono immaginare scenari dove facciamo il checkin in aeroporto tramite il nostro iPhone di terza generazione, arrivati chiamiamo un Taxi e nel Taxi prenotiamo l’Albergo, tutto tramite un’interfaccia coerente a cui siamo abituati. Fa molto fantascienza da due lire ma non mi dispiacerebbe.

Comments

  1. Vero, la comodità fantascientifica c’è. Ma allo stesso tempo, finché la cosa non si diffonde tra i vari produttori di palmar-cellular-smartphone, non farà altro che alimentare quel tono da “fighetto exclusive 2020” della Apple. Cosa che, sinceramente, mi allontana abbastanza dai loro prodotti. Certo, voi direte: “chissenefrega, tanto perdono te e ne guadagnano altri mille”… beh… avete ragione 😀

    (oddio, ma ve lo immaginate il pariolino di turno, vestito di tutto punto, che con un’aria che sembra dire “bvutto plebeo” salta l’intera coda? Potrei provare inarrestabili istinti omicidi :D)

  2. Pienamente daccordo con Flatline.

  3. Non voglio sconfinare nell’analisi della società italiana, ma penso che all’uscita dell’iPhone ne vedremo così tanti in giro nel nostro paese (anche nelle mani di gente che si indebiterà per acquistarli), che se il servizio fosse disponibile ci sarebbe più coda “virtuale” che “reale”.

  4. Fantascienza? Ma non saprei su iPhone, ma a Seul questi servizi sono attivi da un po’. L’albergo lo prenoti facilmente tramite modile in Corea del Sud

  5. Ma quando arriveranno in Italia? Qualche collega gia ne ha un paio senza far nomi ma mi piacerebbe valutare di acquistarlo.

Policy per i commenti: Apprezzo moltissimo i vostri commenti, critiche incluse. Per evitare spam e troll, e far rimanere il discorso civile, i commenti sono moderati e prontamente approvati poco dopo il loro invio.