IBM ha assunto Damien Katz

CouchDBAlcuni giorni fa IBM ha colto di sorpresa il mondo open source quando ha assunto Damien Katz, il creatore e lead developer del progetto CouchDB. Formulata in questi termini la notizia non è di per sé particolarmente notevole, visto che IBM assume regolarmente talenti provenienti dalla comunità del software libero. Ciò che rende la vicenda interessante è il tipo di lavoro offerto a Damien. Katz è piuttosto noto negli ambienti Lotus, in molti si sono quindi chiesti se l’assunzione avesse a che fare col gruppo di sviluppo Lotus, internamente ad IBM. Fortunatamente per i fan di CouchDB, Damien è stato assunto nel gruppo IBM Information Management e sarà quindi pagato per sviluppare a tempo pieno CouchDB.

CouchDB è un database orientato ai documenti, a differenza dei più classici RDBMS come PostgreSQL, DB2 o Oracle. Il suo punto di forza è dunque l’abilità di lavorare con dati semi-strutturati (trattati come collezioni di documenti JSON), tipici delle informazioni contenute in documenti di vario genere, piuttosto che informazione ben organizzata in maniera strutturata come avviene nelle basi di dati più tradizionali. CouchDB espone una HTTP API di tipo REST che può essere utilizzata dai linguaggi più comuni, rendendo al tempo stesso banale il processo di implementazione di client per altri linguaggi. Il database è scritto nel linguaggio di programmazione Erlang e proprio come quest’ultimo, è rapido, estremamente scalabile, facile da distribuire e soprattutto fault-tolerant e adatto a cluster (e sistemi multi-core). Tutte queste caratteristiche hanno reso il progetto piuttosto celebre e apprezzato tra gli addetti ai lavori, nel giro di pochi mesi.

CouchDB è analogo al progetto SimpleDB di Amazon, di cui abbiamo parlato precedentemente, ma a differenza di questo (Amazon ha subito diverse critiche per il design della propria API) è propriamente RESTful, open source e liberamente utilizzabile da chiunque. L’annuncio di Amazon ha però rinforzato l’importanza dei document-oriented database, in particolare della migliore alternativa disponibile al momento, ovvero CouchDB. Non a caso, Google ha assunto proprio il lead developer di SimpleDB, quindi sembra esserci molta attenzione per questo tipo di progetti da parte dei maggiori player dell’industria.

IBM entra in scena quando decide di assumere Damien e pagarlo per fare ciò che ama, cioè lavorare su CouchDB. Come ci rassicura lui stesso, il progetto rimane open source ed entrerà a far parte della lista di progetti Apache. Anche se IBM non avrà quindi un tornaconto economico diretto dalla vicenda, guadagnerà sicuramente diversi brownie points con la comunità, per aver dimostrato una visione e lungimiranza davvero apprezzabili. Per aver creduto e investito denaro (e risorse) verso il successo di ancora un altro progetto open source importante. Non possiamo che augurarci la stessa iniziativa e visione da parte di altri colossi del settore.

About Antonio Cangiano

Antonio lavora come Software Engineer & Technical Evangelist presso la IBM in Canada. È inoltre il direttore di Stacktrace.it, un internet marketing strategist, imprenditore del web, serial blogger, e autore di un paio di libri in inglese (recentemente Technical Blogging.) Puoi dare un'occhiata ai suoi progetti sulla sua homepage e seguendolo su Twitter.

Comments

  1. Speriamo solo che IBM non convinca Damien a riscrivere CouchDbin Java, e a chiamarlo WebSphereDB…

    Scherzo eh 🙂

  2. Antonio Cangiano says:

    Ahaha ludo, sai che la domanda è nella FAQ? 🙂 Continuerà ad usare Erlang, che è poi la scelta migliore per un progetto di questo tipo.

  3. Ludo 😀 😀 😀

    Beh, se in IBM gli lasciano la stessa libertà che ha avuto sin’ora, aggiungendo la sicurezza economica, credo che sia un gesto che oggettivamente costa poco a IBM e fornisce a *TUTTI* un enorme vantaggio.

    Mi piace l’approccio di CouchDB e spero davvero che possa avere un futuro solido, anche come prestazioni. 😀

    Sono abbastanza convinto che possa essere strettamente legato ad un futuro sul web, ove il database sta diventando più una commodity che uno strumento di lavoro per macinare numeri… 🙂
    Certo, lo stacco da superare è ampio, ma la speranza c’è. 😀

  4. In quale sede e` stato assunto?

Policy per i commenti: Apprezzo moltissimo i vostri commenti, critiche incluse. Per evitare spam e troll, e far rimanere il discorso civile, i commenti sono moderati e prontamente approvati poco dopo il loro invio.