Juniper all’attacco di Cisco

Switch Juniper

Ci fu un’era in cui il dominio di Cisco Systems nel mondo del networking era assoluto ed incontrastato. Poi nacque Juniper Network, accogliendo tra le sue fila profughi e fuggitivi proprio da Cisco, come narra la leggenda. Juniper si mise a vendere una serie di router dalle eccellenti caratteristiche, mettendosi in diretta concorrenza con uno dei prodotti di punta della rivale, i famosi 7500 che per tanto tempo hanno costituito la spina dorsale di Internet, e cominciò lentamente a guadagnare fette di mercato. Cisco restava in testa soprattutto grazie ad un’altra categoria di prodotti, gli switch targati Catalyst, settore nel quale non ha mai avuto grandi rivali.

Ora Juniper annuncia l’uscita di una nuova linea di prodotti, gli EX-series Ethernet Switch, studiati apposta per competere con Cisco sul terreno del network switching. Sul sito è presente anche una breve presentazione che ne riassume le caratteristiche principali secondo tre ben chiari obiettivi: affidabilità, disponibilità e ricerca delle prestazioni.

A mio giudizio questi switch non introducono niente di sostanzialmente nuovo nel panorama del mercato odierno, almeno per ora. Il vero valore aggiunto per Juniper potrebbe essere il sistema operativo, JunOS, da molti (tra cui il sottoscritto) ritenuto più moderno e avanzato del corrispettivo in casa Cisco, il celebre IOS. In ogni caso Cisco non sta certo a guardare, ed ha introdotto sui prodotti di fascia altissima la nuova generazione di IOS, chiamato IOS XR. Sarà senza dubbio una battaglia interessante, soprattutto se Juniper saprà lottare con Cisco anche da un punto di vista economico, forte di importanti partnership come Ericsson e Siemens.

Il tutto mentre Cisco annuncia il report per il secondo quarto di quest’anno, terminato il 26 gennaio, forte di una invidiabile cifra alla colonna ricavi: 9.8 miliardi di dollari, miele sulla lingua degli investitori.

Policy per i commenti: Apprezzo moltissimo i vostri commenti, critiche incluse. Per evitare spam e troll, e far rimanere il discorso civile, i commenti sono moderati e prontamente approvati poco dopo il loro invio.