Presentazione nazionale OLPC – la macchina dei bambini

Parte da
Firenze, per la prima volta in Italia, la presentazione di One Laptop
Per Child
(OLPC) Italia: il portatile adatto ai bambini e disegnato per
imparare a imparare. L’importante appuntamento, organizzato
dall’assessorato all’informatica, è per il 7 marzo nel salone de’
Dugento in Palazzo Vecchio. L’evento vanta la partecipazione di
Nicholas Negroponte, Fondatore del Massachusetts Institute of
Technology (MIT) Media Lab di Boston ed ideatore del laptop XO-OLPC.

Il nuovo portatile verrà presentato alle 10,30 durante una
conferenza stampa nel Salone de’ Dugento, dove parteciperà anche
Nicholas Negroponte. Seguirà poi una dimostrazione del laptop OLPC e
verranno anche installate delle postazioni.

“È un
progetto educativo, non solo un semplice portatile.” Come ribadisce
Negroponte, il laptop è una risposta alla sfida globale di combattere
l’analfabetizzazione, l’inclusione sociale ed il divario digitale. ” Il
laptop XO, un portatile adatto per i bambini e disegnato per imparare a
imparare”.

L’XO incorpora le teorie costruzionistiche sviluppate per prime
negli anni ’60 dal professore del MIT Media Lab, Seymour Papert, più
tardi rielaborate da Alan Kay e complementate da principi articolati da
Nicholas Negroponte nel suo libro, Essere Digitale.

OLPC Italia nasce dalla sensibilità dell’assessore
all’informatica, che ha deciso di aderire all’iniziativa globale OLPC
Give 1 Get 1 (G1G1) sul territorio locale, promuovendo il laptop XO non
solo per i bambini delle scuole fiorentine ma anche per i Paesi in via
di sviluppo gemellati con il Comune di Firenze. OLPC Italia si sviluppa
sul territorio italiano, partendo dal Comune di Firenze, attraverso
modelli sinergetici tra scuole nazionali ed in PVS. Ciascun studente
italiano che acquisterà un laptop, donerà un altro laptop ad un suo
coetaneo di un’ altra città del Sud del mondo. Mobilitando risorse e
partner, OLPC Italia tende a creare una rete di solidarietà civica
internazionale, gestendo in prima persona l’implementazione ed il
monitoraggio di tali progetti nei PVS.

Durante la giornata sarà possibile assistere ad una dimostrazione
sull’utilizzo e le principali funzioni che caratterizzano XO, nonché
provare il laptop stesso e condividere la rete tra i vari XOs
collegati.

Il progetto OLPC è stato fondato da Nicholas Negroponte con un
nucleo di veterani del Media Lab, e ha presto coinvolto persone di
talento e costanza eccezionali, provenienti dall’ambiente accademico,
dalle belle arti e dalla comunità open source. Ogni individuo che
partecipa porta con sé un insieme di capacità uniche, e una profonda
passione per il progetto. La campagna G1G1 presentata negli Stati Uniti
a novembre, ha venduto sul territorio americano oltre 200.000 macchine
in un mese e mezzo.

Per informazioni rivolgersi a giulia (at) laptop.org

Comments

  1. Ma di poterlo acquistare non se ne parla proprio? Anche dandogli un certo margine di guadagno, solo non proprio il doppio, che mi sembra eccessivo, visto che uno il contributo lo da anche nel fare i grandi volumi.

  2. Piro, vuoi forse dire che a firenze lo si puo` *comprare*???

  3. @Marco

    Qui c’è la risposta del team all’avvenimento:
    http://www.olpcnews.com/countries/nigeria/pornographic_image_child.html

  4. Paola says:

    http://share.dschola.it/olpc/default.aspx

    In contemporanea con l’evento di Firenze all’Istituto Majorana di grugliasco (To) un gruppo di insegnanti ed esperti presenterà i risultati delle analisi effettuate su XO.

  5. Cerco di rispondere alle vostre domande.

    Sul sito http://www.olpc-italia.org sarà possibile a breve inviare una domanda di prenotazione dell’OLPC.

    Verra’ attuata la formula G1G1 (Give 1 Get 1) che prevede che si acquistino 2 OLPC: uno da tenere per se ed uno da donare ad un bambino di uno dei paesi che ne hanno bisogno.

    Il costo dovrebbe aggirarsi attorno ai 128 euro (+ iva + spese di spedizione) per ogni OLPC.

Policy per i commenti: Apprezzo moltissimo i vostri commenti, critiche incluse. Per evitare spam e troll, e far rimanere il discorso civile, i commenti sono moderati e prontamente approvati poco dopo il loro invio.