Studia, studia…

Ogni riferimento a persone o fatti realmente accaduti è puramente casuale

Comments

  1. Ricordo il tam tam per la rete ed il diffondersi del video su youtube che impietosamente mostrava il Nostro affermare sconcerie ed ostentare la sua ignoranza nel mentre redarguiva i suoi subalterni, con grande faccia tosta.

    Mi chiesi come fosse possibile che uno speaker si fosse preparato un discorso senza nemmeno andare a controllare la sua argomentazione principale. Questo segnalava che l’errore fu proprio di ignoranza e non un lapsus.

    Quello che però mi colpì più di tutto, al di là dell’errore, fu l’uso continuo del ‘Voi’ (‘vedo facce… etc etc), come a dire che lui non c’entrava alcunché con quello che accadeva in azienda e che, certo, la colpa era solo ed esclusivamente della piscologia distorta dei dipendenti che, ‘porelli’, non capivano quello che lui cercava di comunicare loro (ed allora cambia codice comunicativo! E’ tuo mestiere comunicare, o no?).

    Questa mancata assunzione di responsabilità, questa incapacità di ‘fare gruppo‘ mi colpì in quanto contrario a qualsiasi manualetto da quattro soldi della gestione del personale (e contrario al senso comune che imporrebbe una analisi del contesto e del perché le persone si comportino in un certo modo invece che in un altro).

    Ma poi, non è simbolo, quanto accaduto, di molte realtà italiane?

  2. o_O
    E’ assurdo: sono tornato un’ora fa dalla convention della azienda dove lavoro e uno dei dirigenti che e’ intervenuto ha citato proprio questa frase!

    Com’e’ piccolo il mondo e come e’ strana la vita 😀

Policy per i commenti: Apprezzo moltissimo i vostri commenti, critiche incluse. Per evitare spam e troll, e far rimanere il discorso civile, i commenti sono moderati e prontamente approvati poco dopo il loro invio.