Summer of Code 2009 alla partenza

Anche quest’anno è arrivato il momento di un’altra Summer of Code (già vista qui su stacktrace), l’iniziativa di Google che permette a studenti di lavorare su progetti Open Source d’estate in cambio della rispettabile cifra di 5000 dollari, di cui 500 per l’organizzazione mentoring e 4500 per l’applicante.

Meglio che fare il manovale, forse.

Il sito dedicato contiene le informazioni dettagliate e la lista delle organizzazioni accettate è anche quest’anno molto ampia, per cui ce n’è per tutti.

Io come altri stacktracer ho partecipato in passato a questa iniziativa e posso dirne tutto il bene possibile: interessante, divertente, educativa e ben remunerata, specie considerando che potreste trovarvi ad essere pagati per una cosa che avreste fatto lo stesso per passione.

In caso vogliate partecipare è possibile candidarsi da lunedì 23 marzo, e in caso vogliate farlo magari lasciateci un commento così possiamo sapere su cosa state lavorando, la gloria è garantita. 😉

Se invece non avete ancora un’idea o un contatto alcuni consigli pratici per farsi accettare:

  • Scegliete una comunità che conoscete.
  • Scegliete una comunità che vi conosca, se siete noti ai mentor è più facile che ci sia lobbying a vostro favore.
  • Provate con più di un progetto, sono permesse venti application, ma ricordate che la qualità è preferita alla quantità.
  • Mostrate competenza e entusiasmo. “improve the thing to write posts” non è lo stesso che “enhance the django admin UI to include semantic extensions based on my work on Foo”.
  • Scegliete un progetto utile, non banale, e se non c’è, inventatelo.
  • Rendete partecie la comunità, chiedete feedback, raffinate l’idea.

Insomma, vendete bene il progetto e vendete voi stessi, non è necessario, ma aiuta. 🙂

 

Policy per i commenti: Apprezzo moltissimo i vostri commenti, critiche incluse. Per evitare spam e troll, e far rimanere il discorso civile, i commenti sono moderati e prontamente approvati poco dopo il loro invio.