Il team di JRuby lascia Sun e passa ad Engine Yard

JRubyIl team di JRuby (l’implementazione di Ruby per JVM) ha deciso di lasciare Sun, recentemente acquisita da Oracle, per passare a Engine Yard, leader assoluto tra i servizi di hosting per Ruby on Rails. Questa mossa sembrerebbe essere motivata dall’incertezza circa i piani futuri di Oracle per JRuby e un maggiore interesse in JRuby da parte di Engine Yard.

In passato Engine Yard aveva assemblato un team dedicato allo sviluppo di Rubinius, un’altra implementazione alternativa di Ruby, scritta in C++ e Ruby stesso. Nonostante i progressi di Rubinius, le performance e l’adozione di questa implementazione rimangono tuttora sub-ottimali. Va anche precisato che Engine Yard aveva qualche tempo fa licenziato i membri del team Rubinius per ragioni di costi, fatta eccezione per Evan Phoenix, il leader del progetto.

L’assunzione di Charles Nutter, Thomas Enebo e Nick Sieger — tre quarti del team di JRuby — pone quindi interessanti interrogativi circa l’impatto che questo cambiamento avrà nel mondo Ruby. Engine Yard potrebbe puntare su una maggiore promozione di JRuby come stack di deployment di progetti Rails e una maggiore adozione dello stesso nel mondo Enterprise.

Sul fronte degli IDE poi, questo potrebbe essere un duro colpo per l’integrazione tra NetBeans e Ruby/Rails, curata in passato da Thomas Enebo, a grande vantaggio di IDE come JetBrains RubyMine e Aptana Studio.

Staremo a vedere quali saranno gli sviluppi di questa assunzione, ma possiamo aspettarci un futuro roseo per JRuby, che inizia a diventare un’alternativa sempre più appetibile, sia per programmatori Ruby, sia per chi sviluppa in Java e sta cercando linguaggi più semplici e produttivi.

About Antonio Cangiano

Antonio lavora come Software Engineer & Technical Evangelist presso la IBM in Canada. È inoltre il direttore di Stacktrace.it, un internet marketing strategist, imprenditore del web, serial blogger, e autore di un paio di libri in inglese (recentemente Technical Blogging.) Puoi dare un'occhiata ai suoi progetti sulla sua homepage e seguendolo su Twitter.

Comments

  1. Non è la prima volta che Sun si trova ad auto-infliggersi delle (inspiegabili?) emorragie di capitale umano. Sono felice che EngineYard ha saputo approfittarne 😉

  2. La cosa più importante è portare avanti il progetto, se con Engine Yard ci sono maggior garanzie ben vengano scelte come queste. Riguardo netbeans, se perderà un pò di integrazione potrebbe essere negativo ma anche ininfluente, dipende da cosa cambierà col passaggio sotto oracle (magari staremo già lavorando con un altro ide)

Policy per i commenti: Apprezzo moltissimo i vostri commenti, critiche incluse. Per evitare spam e troll, e far rimanere il discorso civile, i commenti sono moderati e prontamente approvati poco dopo il loro invio.